15.1 C
Napoli
giovedì, 2 Dicembre 2021

Queste persone hanno venduto il territorio

reportage

Il 31 ottobre 2013 l’ufficio del presidente italiano ha declassificato una trascrizione del 1997 dell’intervista giudiziaria, prima segreta, a Carmine Schiavone: un mafioso divenuto poi informatore.
Il che ha permesso di dimostrare che le autorità italiane erano consapevoli da ben 16 anni che i gruppi mafiosi stavano guadagnando enormi somme di denaro nascondendo rifiuti – compresi rifiuti tossici e nucleari – nelle aree della Campania, appena fuori Napoli.

La fotoreporter Yvonne De Rosa segue da anni la profanazione della regione e racconta la storia della cospirazione che ha trasformato l’area, a tutti gli effetti, nella discarica dell’Europa.

“La mafia portava scorie industriali tossiche da raffinerie e fabbriche del nord Italia e scorie nucleari dalla Germania per essere scaricate in discariche abusive, in fondazioni stradali, in pozzi e canali e in aperta campagna. Ha risparmiato ai produttori degli sprechi enormi quantità di denaro che avrebbero dovuto pagare per smaltirlo correttamente. I camion della mafia lavoravano 24 ore su 24”.

“In alcuni dei luoghi in cui sono stati seppelliti i rifiuti, il biogas tossico filtra attraverso il terreno. Si sviluppano anche molti incendi, perché la mafia spesso brucia cose che potrebbero trasformarsi in indizi sulla loro identità. Tutto questo ha causato un maggiore inquinamento, perché quando si bruciano rifiuti tossici, le diossine vanno ovunque.”

“Un contadino, ad esempio, si è detto arrabbiato perché la sua terra è stata riempita di rifiuti. Non si tratta solo dei grandi rifiuti industriali delle fabbriche. Se gli appaltatori stessero riqualificando proprietà e trovassero amianto o altri rifiuti, per legge dovrebbero pagare per smaltirli in modo specifico. Diciamo che costa 5.000 €. Poi arriva qualcuno e dice “Posso farlo per te per € 600″. E viene scaricato da qualche parte come il frutteto di pesche di questo contadino.”

“Ho scattato questa foto della strada che attraversa Acerra perché per me rappresenta il modo in cui eravamo tutti abbastanza ignari di quello che stava succedendo. Ecco una coppia che gira in bicicletta – in uno dei luoghi più inquinati del paese con una delle più alte incidenze di cancro – in felice ignoranza. E ovviamente mantenere le persone ignoranti è il segreto di altre persone che mantengono il potere.”

“Questi poliziotti mi hanno fermato perché stavo fotografando la spazzatura che puoi vedere dietro di loro. Quando ho detto a cosa stavo lavorando, hanno detto: ‘Sai che non è colpa nostra, cosa possiamo fare? Dobbiamo seguire le procedure e possiamo fare qualcosa solo se lo vediamo accadere. Ci sono graffiti nella zona che chiedono che l’esercito venga inviato per affrontare il problema se la Polizia non può farlo.”

“Ho iniziato questo progetto perché sono campana – spiega – è un posto fantastico, di cui essere orgogliosi, ma quando la mafia l’ha inquinato nessuno si è pronunciato, nessuno ha fatto niente, nessuno ha cercato di pulire la terra o fermare l’inquinamento. Qualsiasi persona che avesse il potere di fare qualcosa non l’ha fatto. Nessuno l’ha fermato perché tutti erano coinvolti.”

“C’è un’unione molto forte tra mafia e politici, e il denaro derivante dallo scarico dei rifiuti ha permesso di acquistare il controllo dei consigli locali. Le persone che hanno permesso lo scarico dei rifiuti non sono state solo pagate, ma anche minacciate. La mafia andava in giro dicendo: “Ti piacerebbe avere questa somma di denaro o ti piacerebbe essere ucciso?”

“Questa è una ragazza rom che sta crescendo in un campo a Masseria del Pozzo, che incredibilmente è stato costruito proprio su una discarica. Il biogas arriva da ogni luogo e i bambini giocano nella discarica, raccolgono cose, mangiano cose. È orribile non solo a causa dell’inquinamento, ma perché le persone vengono trattate come spazzatura. È un’immagine che non ti aspetteresti di vedere in Italia.”

“Il livello di cancro è molto alto in alcune zone della Campania e le persone stanno morendo. L’area è stata chiamata “Il triangolo della morte”, un termine coniato dal dottor Alfredo Mazza nella rivista The Lancet Oncology. Ha dimostrato che alcuni tipi di cancro erano il doppio della media in tutto il paese.”

“Ho visto quest’uomo in molte proteste, è sempre presente. Il suo cartello dice: “Assassini in giacca e cravatta”. Si riferisce ai senatori in parlamento e alla loro inerzia sulla questione dei rifiuti. La foto è di sua moglie, morta di cancro l’anno scorso, che secondo lui era il risultato della presenza di rifiuti tossici nel loro quartiere. Hanno una figlia piccola.”.

“L’effetto sull’ambiente è stato scioccante. Nel novembre 2013 è stato rivelato che alle basi NATO locali era stato vietato l’utilizzo di forniture di acqua pubblica dopo che l’acqua era stata trovata contaminata. Uno studio del Consiglio nazionale delle ricerche ha dimostrato livelli di diossine negli animali fino a 13 volte superiori al limite legale. Questo manifestante ha scelto di mostrare l’effetto sui prodotti locali.”

“Allora come andiamo avanti, ora la testimonianza di Schiavone è pubblica? Dobbiamo inviare l’esercito per fermare gli incendi e le discariche. Abbiamo bisogno di un registro del cancro adeguato per indirizzare le risorse sulle aree colpite. Dobbiamo dichiarare alcuni terreni non idonei all’agricoltura e ripulire l’approvvigionamento idrico. E dobbiamo avere indagini adeguate e assegnare responsabilità. Queste persone hanno venduto il paese e devono essere ritenute responsabili.”

- Advertisement -

Ultimi articoli